Da dove arriva la forza propulsiva del miglioramento?

Primo giorno di un nuovo cantiere kaizen, l’area trasmette senso di abbandono – dai piccoli segnali come le cartacce per terra fino all’incuria nella manutenzione dei computer e delle scrivanie. A peggiorare l’impressione rimangono alle pareti vecchie valutazioni 5S, visible planning e indicatori non aggiornati, segni evidenti di una trasformazione iniziata e poi fermata.
Guardo le persone coinvolte: tanti malumori, scarso interesse e disillusione sul valore dell’attività in corso.
Guardo la responsabile: tensione, chiamate continue per risolvere piccole e grandi urgenze, troppi appuntamenti in agenda e troppe persone che la cercano costantemente.
Provo a sentire la sua opinione: “Ciao Carla, come va l’ufficio?” “Non me ne parlare! Ormai ognuno lavora a testa bassa sul suo pc e quando ci si confronta su un problema nascono solo polemiche, non ne posso più dei miei collaboratori!”.
I momenti di gruppo successivi trasmettono più o meno lo stesso clima: idee che nascono e vengono cassate, ricordi di “ci abbiamo già provato e non è servito a niente”, Carla che spinge solo le sue idee senza ascoltare.

Situazioni come questa purtroppo si vedono spesso e, se i vertici sentono la necessità di far ripartire il processo di miglioramento, non è affatto semplice trasferirla fattivamente a tutte le persone.
Comunicare chiaramente la strategia è un passo fondamentale … ma è solo il primo!
Tanti grandi proclami, ma che rimangono tali, sono destinati nel tempo a sbiadire e deteriorarsi, proprio come emerge dalla situazione descritta in apertura.
Proviamo invece a farli seguire anche da un solo piccolo obiettivo (uno alla volta!), tradotto però in azione: c’è bisogno di qualcosa che entri nella quotidianità del lavoro di molti, per generare reale cambiamento sostenibile nel tempo.
I punti di entrata più facili da immaginare sono due: operatori e capi intermedi.
Cambiare il comportamento degli operatori: si può fare!
Nelle aziende che visitiamo, si vedono sempre poco applicati i metodi di raccolta dei suggerimenti. Se è vero che in Toyota si parla di più di 100 suggerimenti per persona all’anno, è difficile trovare un’azienda che riesca ad avvicinarsi anche all’ordine di grandezza inferiore.
È un sistema complesso, che va progettato con attenzione e messo in pratica comprendendo a pieno l’investimento necessario di risorse, ma è una vera miniera di opportunità.
Chi l’ha introdotto, pensiamo ad esempio a due nostri Clienti – DeAngeli Prodotti con il progetto “IDEAngeli”, e Necsi con l’introduzione della “NecsIdea” – vi ha sicuramente dedicato tempo e risorse, ma sta già raccogliendo ottimi frutti con l’implementazione rapida di alcune brillanti idee, in grado di portare beneficio immediato all’azienda.
idea
Del resto, la letteratura Lean ha da tempo aggiunto ai famosi 7 MUDA di Taiichi Ohno, un ottavo drammatico spreco, legato al mancato utilizzo delle competenze e della creatività delle persone. Ve lo siete mai chiesti, quanto questo spreco è presente nella vostra organizzazione? E come potreste passare da livello 1 a 2, a 3?
schermata-2016-10-06-alle-18-18-35
E i “capi”?
Da un’altra azienda un altro esempio:
“Con Giancarlo (caporeparto) proprio non ci siamo: pensa solo alla produzione per i clienti, i reparti interni forniti da lui sono senza componenti e le macchine non vengono manutenzionate. In più, dai suoi ho sentito più di qualche lamentela – speriamo non se ne vada nessuno.”
Attraverso il capo passano verso il basso la strategia, e verso l’alto la creatività e le aspirazioni di tutti i suoi collaboratori: ma allora come mai in molte aziende i capi intermedi non riescono neppure a seguire le attività ordinarie?
Per quanto sia bravo, ogni volta che un capo arriva a saturare la sua giornata con l’operatività, smette di pensare al futuro e quindi si concentrerà sui risultati a breve e sul firefighting: il miglioramento è destinato a fermarsi molto presto (il sovraccarico MURI genera variabilità MURA, e quindi mancato rispetto degli standard, che a loro volta generano MUDA sprechi).
Generalizzare è sicuramente sbagliato, ma la categoria dei capi soffre spesso anche di un altro problema ben definito nel cosiddetto Principio di Peter, ossia “in una gerarchia, ogni dipendente tende a salire di grado fino al proprio livello di incompetenza”.
Proviamo soltanto a pensare a come viene fatto crescere un capo. Ci sono sicuramente diverse strade: le più comuni sono la crescita da operatore a capo per meriti (di produttività, affidabilità, qualità, ecc) o per anzianità, oppure l’inserimento dall’esterno per competenze superiori (ad esempio maggiore formazione).
Qualunque sia il percorso, quasi sempre è privo di una formazione specifica e di una definizione degli obiettivi attesi; se questo è scarsamente tollerabile per un operatore, è inconcepibile per un capo!
Per fortuna alcuni nostri clienti se ne sono accorti e assieme a noi stanno mettendo rimedio.

schermata-2016-10-06-alle-18-18-13

 

Per saperne di più, puoi sfogliare The Lean Practitioner’s Field Book: Proven, Practical, Profitable and Powerful Techniques for Making Lean Really Work – Protzman, Whiton, Kerpchar, Lewandowski, Stenberg, Grounds; CRC Press, 05 apr 2016

Pietro Antolini

Sull’autore Pietro Antolini

Partner GMA Consulting, appassionato del miglioramento continuo nello sport, nel lavoro e su me stesso. Affascinato dai modelli evolutivi naturali, umani ed organizzativi.